Liquore all’arancia bimby

arance

Oggi facciamo il liquore all’arancia bimby per tutti colori che amano il liquore fatto in casa completamente genuino e naturale.

Per fare il liquore all’arancia avrete bisogno di pochi ma indispensabili ingredienti. Tra questi vi sono le arance biologiche ovvero quelle non trattate in maniera tale da produrre un prodotto completamente naturale, senza conservanti e coloranti. Il colore di questo fantastico liquore e’ di un fantastico arancio naturale e il sapore sara’ altrettanto gustoso. Se preferisci creare un prodotto un po’ piu’ leggero puoi diminuire la dose dell’alcool e aggiungervi piu’ acqua ma credo che queste siano le giuste proporzioni.

Ottimo da servire in Estate all’interno di bicchierini trasparenti per assaporare con gli occhi in anticipo il gusto. Credo che il vetro sia il migliore contenitore per preservare i sapori mantenendoli intatti.

Parlando di agrumi ti rimando a qualche link con lo “stesso sapore”. Ghiaccioli alla frutta da servire in Estate quando fa proprio caldo magari a fine cena e i biscotti all’arancia candita. Cosa c’e’ di piu’ buono di questi magnifici profumi estivi?

 

Ingredienti

  • 1 l di alcool a 90°
  • 8 arance biologiche (non trattate)
  • 1 kg di zucchero
  • 1 l di acqua

Procedimento

Lava sotto un getto di acqua corrente le arance e asciugale con un panno completamente asciutto

Con l’aiuto del pelapatate o di un coltello togli la buccia senza prendere la parte bianca perche’ molto amara

Mettile in infusione all’interno di un contenitore (meglio se in vetro) con l’alcool per 15/30 giorni al buio. Meglio all’interno di uno sportello senza troppa umidita’ e caloria e agita di tanto in tanto leggermente

Fai lo sciroppo mettendo acqua e zucchero nel boccale e fai cuocere 30 min. 100° vel.1

Lascia raffreddare il composto e miscelalo all’alcool. Una volta fatto’ cio’ filtra il tutto con un colino e riponilo in dispensa a riposare un mese prima di consumarlo

Consiglio

Imbottiglialo all’interno di bottiglie di vetro

Riccardo Capone‘s photo credit


Potrebbe interessarti

Commenta con Facebook