Lievito o Pasta Madre bimby

Oggi parleremo di panificazione facendo il lievito o pasta madre bimby, ottimo per utilizzarlo al posto del normale lievito di birra (fresco o disidratato).

Puoi utilizzarlo per fare le focacce, il pane, la pasta brioche, la pizza o qualunque altro tipo di impasto che necessita di lievitare. Avendo la il lievito madre puoi realizzare qualunque tipo di preparazione in maniera naturale e biologico. Tutti gli ingredienti che lo compongono solitamente sono acqua e farina oppure a volta si aggiunge anche miele e olio per farlo acidificare meglio e farlo “attivare” per bene.

Una volta impastato dovrai rinfrescarlo inizialmente ogni 24/4h ogni giorno per 1 settimana circa in maniera tale da farlo attivare. Dopo di cio’ potrai decidere se conservarlo in frigo, a temperatura ambiente o in freezer come qualcuno riesce a fare. Ricorda che i rinfreschi sono dei procedimenti al quale si aggiunge al composto acqua e farina in dose descritte sotto per dare nutrimento senza farlo “morire. Cosi’ lo manterrai sempre vivo e utilizzabile per ogni volta che ti servira’.

Perche’ fare il lievito madre fatto in casa? In questo modo potrai risparmiare di comprare il lievito di birra normale e quindi creare ricette economiche. La versione fatta in casa infatti necessita’ solo di pochi ingredienti per essere creato, rinfrescato ma ha una durata infinita nel tempo. Infatti nei tempi passati si prestava un pezzettino di pasta ai conoscenti per riuscire ad averlo “a vita”.

Utilizzando farina bio riuscirai ad ottenere qualcosa di sensazionale e di completamente biologico e naturale. Questo fara’ piacere agli amanti del bio a cui piace “mangiare bene” e a coloro che amano panificare quasi tutti i giorni.

 

Prima versione

Ingredienti

  • 200 g di farina 0
  • 100 g di acqua

Seconda Versione

Ingredienti

  • 200 g di farina 0
  • 90 g di acqua
  • 1 cucchiaio di miele
  • 1 cucchiaio di olio di oliva

Procedimento

Metti tutti gli ingredienti nel boccale e impasta 20 sec. vel.5

Prendi l’impasto ottenuto all’interno di un contenitore di vetro ben chiuso e lascialo lievitare all’interno di un luogo con temperatura attorno ai 25° per 48 h oppure fino a quando lo si vede raddoppiare

Prima di utilizzare il lievito all’interno di una preparazione fare una serie di rinfreschi ogni 24/48 h per un settimana. In questo periodo se il composto dovesse risultare eccessivo possiamo anche eliminarlo. Per i rinfreschi di un panetto di 200g circa avrai bisogno di 200 g di farina piu’ 100g di acqua. (quindi la farina deve avere lo stesso peso dell’impasto complessivo piu’ un 50% di acqua.) “2 min. vel. spiga”

Per fare questa operazione non occorre riporlo in frigo ma sempre a temperatura ambiente.

A questo punto puoi utilizzarlo per fare pane, focacce ed altro.

Consigli

Una volta “creata” la pasta puoi riporla in frigo rinfrescandola ogni 5 giorni. Se non la riponi in frigo dovrai eseguire dei rinfreschi ogni 24 h.

Conserva il tutto sempre all’interno di un contenitore di vetro ben chiuso oppure avvolto da un panno umido ben pulito

Se lo conservi in frigo escilo la sera per la mattina, perche’ non va utilizzato completamente freddo (almeno cosi’ ho letto in vari posti)

Utilizza preferibilmente farine bio

Gli alveoli sono sintomo di una buona riuscita


Potrebbe interessarti

Commenta con Facebook