Pizza napoletana bimby casalinga

pizza-napoliLa pizza napoletana bimby e’ un piatto che e’ amato in tutta l’Italia da molta gente. Questa che vi vado a proporre io e’ una versione casalinga molto piu’ semplice e meno complicata della ricetta originale.

La ricetta originale della pizza napoletana viene fatta e cucinata all’interno delle pizzerie napoletane ma con questa versione base potrai ottenerla facilmente a casa tua senza troppi passaggi. Il risultato sara’ ovviamente ottimo ed eccellente se riuscirete a trovare i giusti ingredienti che siano di alta’ qualita’ come le varie farine, l’olio di oliva etc..

Su internet e nei vari programmi televisivi vi sono miriadi di ricette per realizzare la pizza napoletana ma questa e’ stata modificata e resa appropriata per il bimby. Infatti vi posto questa ricetta casalinga di come fare l’impasto per la pizza napoletana perche’ credo sia eccellente. E’ chiamata casalinga per l’appunto perche’ tra gli ingredienti vi sono il lievito di birra, potrai cuocerla all’interno di una teglia ed utilizzare il mattarello per stendere la pasta.

Vi ricordo che la forma tipica di questo fantastico cibo di strada e’ sottile al centro con dei cornicioni/bordi piu’ alti. Questo e’ proprio quello la caratterizza in tutta la sua bonta’ ed e’ solitamente cotta all’interno dei forni a legna che conferisce un sapore ancora piu’ rustico e sn

Il condimento base che amo e’ quello della passata di pomodoro condita con un pizzico di sale, olio di oliva, mozzarella a pezzetti e foglie di basilico fresco. Un altro po’ di olio di oliva a crudo non me lo toglie nessuno!

Ingredienti

Per la pasta per la pizza napoletana

  • 500 g di farina Manitoba
  • 250 g di farina 00
  • 400/450 g di acqua circa
  • 5 g di sale fino
  • 2 cucchiaini e 1/2 di sale fino
  • 4 g di lievito di birra fresco
  • 1 cucchiaino di malto o miele

Per il condimento

  • passata di pomodoro (condita con sale)
  • olio extra vergine di oliva di alta qualita’
  • mozzarella a cubetti
  • foglie di basilico napoletano fresco

Procedimento

Metti all’interno del boccale l’acqua, il malto, il lievito e mescola 20 sec. vel.1

Mescolare le due farine all’interno di una ciotola e inserirne la meta’ all’interno del boccale e impasta 2 min. vel. spiga

Arrivati questo punto aggiungi tutta la farina rimanente ed il sale e impasta nuovamente 5 min. vel. spiga

Prendi l’impasto dal boccale e lavorato per qualche momento con le mani e se dovesse risultare troppo appiccicoso aggiungi un po’ di farina.

Crea una palla e mettila a lievitare all’interno di una ciotola coperta con un panno umido. Posiziona la ciotola nel punto piu’ tiepido della casa dove non ci sono sbalzi di temperatura o all’interno del forno con la luce accesa. Questa lievitazione dura ben 2 h.

Ritaglia la pasta lievitata in 4 o 5 panetti e lasciale lievitare per tutta la notte coperte dalla pellicola trasparente.

Fatto cio’ lascia la pasta a temperatura ambiente per qualche ora e aiutandoti con un mattarello stendi ogni singola pagnotta di pane. Disponila all’interno di una teglia unta con olio d’oliva e condisci con pomodoro, mozzarella a pezzetti, olio di oliva e foglie di basilico fresco napoletano.

Cuoci in forno a 250° per 10/15 min. circa o fino a quando diventa ben dorata!

Consiglio

Questa pizza napoletana e’ una versione casalinga che puo’ essere cotta all’interno di una teglia oleata con olio di oliva ma come molti sanno si puo’ cuocere su pietra refrattaria oppure direttamente sulla griglia del forno ricoperta con carta forno.

Stenderla e’ semplice ed il modo migliore per farlo e’ il mattarello ma puoi anche utilizzare le mani proprio come fanno i pizzaioli se sei un abile casalinga pizzaiola.

L’impasto puo’ essere congelato all’interno del freezer in maniera tale da averlo sempre pronto. Ogni qual volta che lo scongelate lasciatelo qualche ora a temperatura ambiente, lavoratelo e cuocetelo.

Il tempo di cottura e di doratura dipende dalla dimensione e dal peso che ha la pizza. Una pizza piu’ piccola si cuocera’ in molto meno tempo rispetto ad una piu’ grande.

City Foodster‘s photo credit


Potrebbe interessarti

Commenta con Facebook