Pizza Napoletana: Ricetta Originale (alta digeribilita’)

Avete mai provato a cucinare una pizza napoletana seguendo la ricetta originale ovvero con tre grammi di lievito ed una lievitazione lentissima come questa? Io ci ho messo 3 giorni.

Facendo lievitare la pizza lentamente all’interno del frigo con una dose di lievito di birra minimo si ottiene un prodotto di panificazione come quello della pizzeria ad alta digeribilita’.

Gli ingredienti sono molto semplici e poveri. Sicuramente e’ una ricetta economica che vi permettera’ di mangiare della vera pizza napoletana anche se non siete a Napoli. Per farla venire uguale cuocetela all’interno di un forno a legna oppure all’interno di un buon forno casalingo a massima temperatura e vedrete che miracolo! Utilizzate mozzarella di bufala e basilico per ottenere un prodotto di qualita‘!

Ingredienti

  • 500 g di farina 00
  • 17 g di sale fino
  • 250/260 g di acqua
  • 1 grammo di lievito di birra fresco

Procedimento

Metti all’interno del boccale l’acqua, il lievito di birra sbriciolato e aziona per 1 min. 37° vel.1

Aggiungi il sale miscelato precedentemente alla farina ed impasta per 5 min. vel. spiga

Prendi il composto ed impastalo per altri 5 minuti utilizzando le mani.

Metti l’impasto all’interno di una ciotola e riponila in frigo per 3 giorno interni.

Una volta passati i tre giorni vedrete che si sara’ (poco) lievitata. A questo punto lasciate l’impasto a temperatura ambiente (sempre al suo posto nella ciotola) a lievitare per circa 4/5 h. Deve raddoppiare o almeno vedersi gonfiare.

Fatto cio’ l’impasto e’ pronto per fare la pizza napoletana originale con l’origano, calzoni ripieni fritti come quelli di ricotta e pizzette napoletane fritte.

Consigli

Se vedete molti buchini quando andate a tagliare la pasta quello e’ un ottimo segno di buona lievitazione. La lievitazione eccellente fa spuntare tanti piccoli alveoli all’interno della pasta.

Se devi tagliare la pasta per fare tante pizze tagliala con un coltello e poi forma delle palline. Non strapparla!

 


Potrebbe interessarti

Commenta con Facebook